Come velocizzare il proprio dispositivo Android

android

Molti si chiedono Quale è il senso della vita? altri invece si accontento di domande “Come velocizzare Android?” ed oggi vogliamo fornirvi la risposta proprio di quest’ultima, proponendovi dei consigli che vi aiuteranno ad ottimizzare al meglio i vostri dispositivi.

Velocizzare Android? Ecco come fare!

Launcher alternativo

In alcuni dispositivi la RAM non basta a causa del numero di applicazioni presenti e un launcher poco ottimizzato porta ad avere delle prestazioni scarse. Installare un launcher alternativo come Nova potrebbe essere una delle migliori soluzioni.

Cancellare applicazioni inutili

Quante volte installate app inutili che non utilizzate mai o vi ritrovate un dispositivo con tanta di quella immondizia? Se disponete del ROOT vi consigliamo di rimuovere questa tipologia di applicazioni tramite app come Link2SD o recandovi in Impostazioni > Gestione Applicazioni.

Quali sono le app che consumano più RAM?

Cancellare le applicazioni inutili a volte non basta in quanto sono le più utili a sacrificare la RAM. La domanda sorge spontanea, come fare per scoprire quali sono? Semplice! Recatevi in Impostazioni > Gestione applicazioni ed effettuate 2 Swipe verso destra per visualizzare quelle in esecuzione, vi renderete subito conto di cosa stiamo parlando.

Pulire la memoria del telefono

Altro fondamentale fattore risiede nella pulizia della memoria del vostro dispositivo tramite app come CCleaner o affini. Proprio come accade sul PC anche su Android vengono create file inutili come la cache che appesantiscono lo smartphone o tablet con il tempo, bisogna eliminarli. Per cancellarla potete anche andare nella Recovery ed effettuate uno Wipe Cache Partition.

Cambiare la ROM

Alcuni potrebbero considerare il cambio di ROM come ultima spiaggia. A volte purtroppo il sistema operativo di default non è ottimizzato bene e per questo motivo ci si imbatte in rallentamenti o problemi simili a distanza di poco tempo dall’acquisto (basti pensare ad Android Lollipop che si aggiorna spesso a causa dei numerosi bug). Cambiare la ROM potrebbe salvare il vostro dispositivo dal fare una brutta fine. Per fare questo bisogna in primis sbloccare il bootloader del dispositivo, successivamente installare una recovery modificata e infine dopo aver installato la ROM, abilitare i permessi di ROOT.

flying_android_with_rocket_by_lowaccess-d3kf384-1024x589

La procedura può variare in base al dispositivo che si dispone ma in genere si ricorre all’uso di toolkit automatici o alla classica procedura che vi riportiamo di seguito:

  • Scaricate la ROM, Gapps, Recovery e ROOT
  • Collegate il dispositivo al PC con un cavetto USB
  • Assicuratevi di avere Android SDK sul vostro PC
  • Copiate la ROM, il ROOT e le Gapps nella root del vostro dispositivo
  • Riavviate lo smartphone in modalità fastboot e sbloccate il bootloader
  • Installate la recovery dal prompt dei comandi
  • Riavviate il dispositivo in recovery e flashate la ROM, le GApps e il ROOT
  • Effettuate gli swipe e riavviate
  • Potete bloccare il bootloader

Questa guida chiaramente non è adatta a tutti i dispositivi, per altri l’installazione della ROM avviene testualmente tramite dei comandi nel prompt dei comandi. Cambiare la ROM potrebbe essere l’ultima spiaggia se il vostro dispositivo non si riprende nonostante abbiate pulito tutto, rimosso le app inutili e cambiato launcher.

Post precedente

Adesivi nelle foto con Stickered for Messenger!

Next Post

Imangi Studios rilascia Temple Run per il Gear VR

Articoli correlati