ClockworkMod Recovery ufficiale per il Nexus 4 e il Nexus 10!

Indice
  1.  

 

Koushik Dutta, attraverso il suo account su Google Plus, il social network di Google, ha annunciato, la disponibilità della custom recovery per Nexus 4 e Nexus 10.

Come per qualsiasi altro dispositivo, anche per questi due, la recovery, è disponibile via ROM Manager, l’applicazione che gestisce le recovery che potete scaricare ed installare dal play store di Google. La versione attualmente disponibile è la 6.0.1.6 versione touch, e vanta di numerose funzioni, inutile dirvi che per utilizzare Rom Manager dovete avere i permessi di root abilitati.

Scopriamo insieme come abilitare i permessi di root sul Nexus 4

Abilitare permessi di root sul Nexus 4

  1. Dal dispositivo, attivare la modalità Debug USB dalle impostazioni > sviluppatore>cliccando 7 volte su info
  2. Collegare il dispositivo al PC via USB
  3. Scaricate il pacchetto per il root del Nexus 4 (link non disponibile)
  4. Con la premessa che avete già sbloccato il bootloader ed installato una recovery, spegnete il dispositivo
  5. Accendete il dispositivo in modalità recovery
  6. Effettuare i vari wipe
  7. Selezionare la voce install zip from sd card e successivamente choose zip from sd card
  8. Indicare il file scaricato in precedenza e attendere la fine del processo

In questo modo installarete il firmware originale con i permessi di root abilitati! Ora potete utilizzare ROM MANAGER, Link2SD ed altre applicazioni che richiedono il root!

Abilitare i permessi di root sul dispositivo, significa poter spostare le app dalla memoria interna a quella esterna, poter accedere alla partizioni del dispositivo che prima erano inaccessibili e molto altro ancora. E’ come se sul PC si lavora in modalità utente o modalità amministrazione! Su alcuni dispositivi, abilitare il root non invalida la garanzia.

Non è una procedura complessa e chiunque può eseguirla alla perfezione, inutile dire però che noi di androidplanet non ci assumiamo la responsabilità in caso di qualsiasi tipologia di danni.

Post precedente

Meizu MX2: trapelano le prime immagini ufficiali

Next Post

Corsa ai Phablet FullHD: alla lista si aggiunge anche Lenovo

Articoli correlati