Vivo sfida il Redmi con lo Z5x

Vivo annuncia ufficialmente l’arrivo sul mercato dello smartphone Android Z5x, pensato per contrastare il Redmi di Xiaomi. A seguire vi riportiamo la scheda tecnica e il prezzo delle varie versioni.

Vivo Z5x: La scheda tecnica

Lo smartphone monta un Display LCD da 6,53 pollici con una risoluzione Full HD+ di 2340 x 1080 pixel, alimentato da un processore Qualcomm Snapdragon 710 Octa Core con GPU Adreno 616, 4/6/8 GB di RAM LPDDR4X e 64/128 GB di memoria interna (espandibile via microSD fino a 256 GB).

Fotocamera anteriore da 16 megapixel con apertura f/2.0 e tripla fotocamera posteriore da 16 megapixel con apertura f/1.78 e Flash LED + 8 megapixel grandangolare con apertura f/2.2 e 2 megapixel per il ritratto con apertura f/2.4.

Batteria da 5.000 mAh con ricarica rapida 18W, lettore per le impronte digitali e sistema operativo Android 9.0, il tutto racchiuso in una scocca delle dimensioni di 162.39 x 77.33 x 8.85 mm per un peso complessivo di 204 g.

  • Display: 6,53 pollici a risoluzione Full HD+ (2340 x 1080 pixel), 
  • Processore: Qualcomm Snapdragon 710 (Dual 2.2GHz Kryo 360 + Hexa 1.7GHz Kryo 360 CPU) con GPU Adreno 616
  • Memorie: 4/6/8 GB LPDDR4x + 64/128 GB (espandibile via microSD fino a 256 GB)
  • Fotocamera anteriore: 16 megapixel 
  • Tripla fotocamera posteriore: 16 megapixel + 8 megapixel + 2 megapixel
  • Batteria: 5.000 mAh
  • Dimensioni:  162.39 x 77.33 x 8.85 mm e peso 204 g

Vivo Z5x sarà disponibile dalla prossima settimana nelle colorazioni Midnight Black, Phantom Black e Aurora Blue in Cina ai seguenti costi:

  • 4 GB di RAM + 64 GB di memoria interna = 180 euro
  • 6 GB di RAM + 64 GB di memoria interna = 194 euro
  • 6 GB di RAM + 128 GB di memoria interna = 220 euro
  • 8 GB di RAM + 128 GB di memoria interna = 259 euro
Autore Shinobi SEO WEB
Shinobi SEO WEB

Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento. Ritiene che il sapere appartenga a tutti e debba essere condiviso liberamente.  Seguimi su Facebook, Twitter, Ludomedia, InstagramTwitch, Youtube e Mixer  

Nessun commento

Lascia un commento