Samsung ferma ufficialmente la produzione di Note 7

Alla fine è accaduto, Samsung si è vista costretta a cessare ufficialmente la produzione e la vendita dei Note 7 a causa dei recenti avvenimenti fino a quando il problema non verrà individuato e risolto definitivamente.

galaxy note 7

Il Note bomba non è più in vendita

Samsung ha affermato che coloro che possiedono un Note 7 potranno restituirlo ed avere il rimborso totale, per tanto si consiglia di spegnerlo e di non utilizzarlo fino alla sua restituzione. I problemi sono iniziati nei primi giorni della sua commercializzazione quando si sono verificati i prismi casi “esplosivi” che hanno visto il suddetto phablet prendere letteralmente fuoco ed esplodere come una petardo natalizio.

In seguito a questi avvenimenti Samsung decise di ritirare dal mercato tutti i Note 7 difettosi per sostituirli con nuove unità, purtroppo ciò non è bastato in quanto anche i Note 7 sostituiti sono affetti dal suddetto problema della serie oltre il danno la beffa, ciò dimostra di come la casa sud coreana non si sia realmente impegnata per individuare e risolvere il problema, cercando di fare più test possibili prima della nuova commercializzazione, dopo tutto si sa che se l’arrivo del Note 7 sul mercato è stato velocizzato dall’uscita dell’iPhone 7, la sua ri-commercializzazione è stata altrettanto veloce.

note-7-esploso

La vera causa dell’esplosione è dovuta alla batteria del phablet che surriscaldandosi anche durante l’uso si espande ed esplode, provocando danni al dispositivo e ai suoi possessori. Più volte la casa Sud Coreana ha cercato di spiegare la cosa quasi a giustificare l’errore commesso nella produzione. La produzione delle batterie sono state affidate a 2 aziende differenti di cui una di esse tra l’altro sussidiaria della compagnia, è colpevole della maggior parte delle esplosioni. Molti sono i casi anche gravi dove il possessore del dispositivo si è ritrovato ustionato dopo che il Note 7 ha preso fuoco in tasca. Inutile dire che le parodie nate da questa vicenda sono molte e Samsung sarà marchiata a vita per aver creato uno smartphone cosiddetto bomba.

A partire da oggi il Note 7 non è più in produzione e le unità presenti sul mercato verranno ritirate e rimborsate fino a quando il problema non verrà risolto, ma la domanda sorge spontanea, i consumatori si fideranno ad acquistare nuovamente il phablet? Considerando che Samsung ha iniziato il declino della serie dal terzo modello, vi sono buone possibilità che si concluda con questo Epic Fail.  Nonostante si sia scusata più volte con i consumatori, rischia svariate denunce a causa dei danni fisici provocati ai possessori del Note 7 esploso.  Quindi la morale della favola è, se avete acquistato un Note 7 restituitelo per avere il rimborso, in caso contrario puntate su altri dispositivi.

Post precedente

Un Note 7 “sostitutivo” esplode e finisce in ospedale

Next Post

Arriva il FantaMister: L’erede del fantacalcio di Sisal Matchpoint

Articoli correlati