Galaxy Note 3: Samsung pensa ai 6.3” di diagonale display

L’evoluzione tecnologia torna, impellente come non mai, a dettare le nuove leggi di questa splendida ed inarrestabile epoca contrassegnata, in maniera molto profonda, da un mitico progresso tecnologico mai vissuto sino ad oggi. Sono diverse e molteplici le idee che spingono verso a nuovi orizzonti tecnologici, legate ognuna ad un diverso leader mondiale.

Tra tutte le varie alternative, però, ce n’è sempre e solo una che va ad imporsi sulle altre, definendo il vero step evoluzionistico di una nuova era, puntando così su nuovi interessanti orizzonti Hi Tech. Più volte abbiamo recensito lo splendido lavoro di questo meraviglioso colosso, in gara oramai solo con se stesso, visto il netto vantaggio vantato nei confronti delle altre alternative in classifica.

Come avrete già intuito, si torna a parlare dello splendido colosso sud coreano nonché il leader mondiale della tecnologia mobile e non, il mitico Samsung. Oggi le indiscrezioni fanno parlare solo ed esclusivamente di questo brand blu e bianco, pronto a rivoluzionare ancora una volta il mercato Hi Tech con un’idea alquanto strana e poco utilizzata.

Malgrado il Samsung Galaxy Note 2 sia stato presentato appena pochi mesi fa, le indiscrezioni su cui naviga tale brand fanno già pensare al suo rivoluzionario successore, il prossimo Samsung Galaxy Note 3. Questo phablet, il terzo firmato Samsung, vanterà caratteristiche tecniche indubbiamente migliori rispetto i predecessori, ma una cosa non ci è molto chiara.

Come ben sappiamo, la specie phablet non è altro che una creatura mitologica che si crede per metà smartphone per l’altra tablet. Il primo Note vantava un display da 5”, il secondo da un generoso 5.5”. Adesso di parla del terzo, che, a quanto riferito dall’affidabile fonte qual’è Korea Times, potrebbe benissimo adottare un enorme display da ben 6.3” di diagonale.

In a related note, the world’s biggest technology company has been developing the Galaxy Note III with a 6.3-inch screen using an OLED display, according to officials from a local parts suppliers [..]

Io personalmente credo che i canoni dettati dal nuovissimo Samsung Galaxy Note 2 siano già abbastanza, forse persino troppi per mani “normali”. Stenterei a chiamate smartphone o phablet un terminale con display da ben 6.3”, troppo vicini al range dei 7” del re dei tablet, il Nexus 7. Che ne pensate?

Post precedente

CES 2013: ZTE conferma la presenza con l’arrivo di Grand S

Next Post
Acer-V360

Acer V360: primo smartphone Android con Jelly Bean

Articoli correlati