Come progettare al meglio i circuiti multistrato. Consigli ed errori da evitare

Come per ogni cosa, trovarsi di fronte per la prima volta ad una nuova avventura è entusiasmante ma allo stesso tempo difficile e con qualche preoccupazione da superare. Decidere di progettare la propria prima struttura PCB.

Per prima cosa la scelta del programma: se ancora non hai trovato quello che fa per te, Registrati e prova Altium Designer 19 oggi. Avere una buona base da cui partire è sicuramente meno dispersivo che perdersi nei meandri della Rete alla ricerca di consigli che potrebbero apparire più difficili di quello che effettivamente sono.

Per disegnare una scheda multistrato bisogna avere una buona libreria CAD: dalle immagini di strati piani negativi utilizzate per disegnare piani di potenza e di massa su strutture PCB alle forme di pad su strati interni. Molto utile anche utilizzare i propri loghi, le tavole e le viste PCB.

Progettare male una PCB vuol dire spendere ulteriori soldi e tempo per risolvere tutti i problemi che si sono palesati. Quindi per prima cosa avere ben in mente cosa vogliamo dalla nostra PCB con le sue funzionalità. Importante è lasciare sempre un po’ di spazio sulla scheda in previsione di un possibile upgrade. Anche in questo caso un buon software ci sarà sicuramente di grande aiuto. L’automazione del design ci aiuterà in termini di produzione, costi e materiali. A questo basterà aggiungere la nostra idea a il ragionamento e sarà tutto più facile.

Quando poi saremo pronti alla costruzione vera e propria della board dobbiamo fare attenzione ad altri punti spinosi, primo fra tutti la qualità dei materiali. La scelta in questo caso va ovviamente a prodotti di qualità ma con specifiche differenti in base a quello che andremo a fare così come anche all’ambiente di destinazione e alle temperature e/o umidità a cui andranno incontro.

Per ultima la fase di test, importantissima in tutto questo iter. Bisognerà infatti controllare il funzionamento dai voltaggi fino ai componenti.

Un consiglio pratico: i componenti simili vanno orientati nella stessa direzione così da poter saldare in modo più efficiente. Informatevi prima con l’officina che si occuperà della fabbricazione sul numero di strati possibile, altrimenti si corre il rischio di incorrere in spese eccessivamente maggiorate o ancora peggio nell’impossibilità di realizzare la scheda.

Una volta posizionati i vari componenti fate molta attenzione a come posizionare le tracce per il segnale, l’alimentazione e bla masso così che i segnali viaggino senza interferenze. I piani di alimentazione e di massa inseriti all’interno della scheda devono essere simmetrici e centrali sufficienza e di evitare linee di alimentazione collegate a catena. Le tracce è meglio costruirle nel modo più breve e diretto possibile tra due componenti.

Autore

Nessun commento

Lascia un commento