La rivoluzione del gaming online: come sono cambiati i giochi classici con l’arrivo delle app

La diffusione delle applicazioni per smartphone ha regalato nuova popolarità a giochi tradizionali come gli scacchi, il domino e i dadi, togliendo loro la patina di polvere di cui si erano poco a poco ricoperti. Grazie all’avvento di Internet, alla creatività degli sviluppatori di questi software per i cellulari e a prezzi decisamente alla portata di tutti, le app hanno permesso anche a chi non li conosceva o non li avrebbe mai provati, i più giovani in particolare, di avvicinarsi a questo tipo di giochi. 

Le app di gioco per iOS e Android: facilità di scaricamento e prezzo concorrenziale

Le app che si trovano su Google Play o sull’Apple Store sono alla base della rivoluzione che ha cambiato il modo di vedere il gioco. Chiunque, oggi, ha la possibilità di collegarsi ad Internet e scaricare in un batter d’occhio i software che preferisce, per conservarli e usarli direttamente sul proprio smartphone. Non solo: con la stessa velocità è possibile cancellare un’app che abbiamo testato e non amiamo particolarmente, che abbiamo sbagliato a scaricare o che semplicemente non c’interessa più. La differenza rispetto al passato è chiara, non c’è bisogno di recarsi in un negozio fisico durante gli orari di apertura per acquistare il nostro gioco, né di valutare approfonditamente l’acquisto che stiamo per fare, né è necessario limitarsi a giocare a casa propria. I prezzi poi, sono estremamente concorrenziali: la maggior parte delle app è gratuita, e per quelle a pagamento si parla in media di un costo compreso tra 1 e 3 euro. Le applicazioni per smartphone sembrano quindi essere flessibili e dare spazio a creatività ed inventiva, vediamo come!

Una, dieci, cento app per lo stesso gioco

I costi ridotti rispetto ai videogiochi stile vecchia scuola e l’accessibilità degli APK (Android Package), estensioni di file d’installazione che ci permettono di installare giochi e applicazioni senza passare dal Play Store, hanno incentivato la realizzazione di nuove app da parte di un numero sempre maggiore di sviluppatori, professionisti e non. Questo ha prodotto da un lato una grande concorrenza – tanto tra i creatori delle app, quanto tra i produttori di giochi da tavolo e videogame – ed ha fornito dall’altro un’ampia scelta ai giocatori, che hanno la possibilità di sbizzarrirsi con la varietà di giochi a disposizione. Per fare qualche numero, solo su Google Play i giochi di blackjack sono circa 200: si va da Blackjack Trainer Pro, ideato per insegnare la strategia, fino a Battlejack di Grand Cru Games, un mix tra fantasy e gioco di carte. Su una piattaforma come Betway, se ne possono scegliere una decina, tutti diversi, dal Vegas Strip allo Spanish Blackjack, passando per il Super Fun 21, una variante del blackjack tradizionale in cui vince chi ha in mano sei o più carte per un totale di 20 punti, anche se gli avversari hanno un totale di 21.

La creatività al potere con le nuove app per smartphone

Gli sviluppatori non si sono limitati a riprodurre i giochi tradizionali, ma in alcuni casi, aggiungendo il loro tocco personale e la loro creatività, li hanno modificati e aggiornati con nuove regole, immagini e tipi di funzionamento. Ne è un esempio Really Bad Chess, un’app che usa le regole degli scacchi, ma fornisce ai due giocatori pezzi casuali, stravolgendo di fatto il gioco originario. Lo stesso vale per Story Dice, che con il gioco dei dati non ha quasi più nulla a che vedere. Su ogni faccia dei dadi, infatti, al posto dei numeri ci sono degli oggetti, e lo scopo del gioco non è totalizzare il punteggio più alto ma riuscire a raccontare una storia, che si tratti di una poesia, di una barzelletta o una canzone. Un terzo esempio è dato da Domino Land, che s’ispira ad un gioco tradizionale modificandolo completamente: segue infatti le regole del domino, ma con uno scopo completamente diverso, quello di creare l’appezzamento di terreno più grande possibile. Anche Majong Magic Worlds – Journey of the wood elves (Il mondo magico del majong – Il viaggio degli elfi del bosco), infine, mostra come sia possibile inserire variazioni creative in un gioco tradizionale con secoli di storia alle spalle, trasformandolo in chiave fantasy.

L’evoluzione del gaming online ha riportato sotto le luci dei riflettori una serie giochi tradizionali considerati da molti appannaggio delle generazioni più vecchie e poco attrattivi per quelle più giovani. Il merito di questo cambiamento e di questa rinnovata attenzione va principalmente alle app per smartphone e ai loro sviluppatori, che hanno diffuso questi giochi sulla rete, permettendo a tutti di scoprirli, provarli e scaricarli. Una sfida nuova è in corso, con risultati per il momento interessanti: modificare i giochi classici con un tocco di creatività, rendendoli ancora più interessanti per tutti.

Post precedente

TP-Link annuncia gli smartphone Neffos C7A, C9, C9A e X9

Next Post

ho. Mobile sfida Iliad con la sua offerta

Articoli correlati