Google Stadia chiude tra polemiche e rimborsi

Annunciata, presentata e commercializzata qualche anno fa, Stadia, la piattaforma Gaming di Google giunge al capolinea, a comunicare la sua chiusura ci ha pensato l’azienda tramite un report ufficiale, pubblicato sul blog.

Google Stadia chiude ed è subito polemica

A Luglio 2022 la piattaforma già non stava attraversando un buon momento, al punto che sorsero sulla rete speculazioni in merito all’imminente chiusura. All’epoca Google smenti le dicerie, affermando di avere grandi progetti in serbo per Stadia, e che il futuro era tutt’altro che nero, promesse a quanto pare non mantenute, seppure il team abbia cercato di salvare il salvabile.

L’annuncio della fine di Google Stadia è avvenuto pochi giorni fa, dunque la stampa di tutto il mondo è venuta a conoscenza di ciò tramite il post pubblicato dall’azienda, mentre i dipendenti hanno ricevuto la triste notizia soltanto 15 minuti prima, con un meeting tutt’altro che piacevole. L’azienda è stata accusata di non aver dato il tempo necessario ai suoi dipendenti di organizzarsi, cercando un nuovo impiego lavorativo o magari essere trasferiti in un altra sede.

Ancor più grave vi è l’assenza di comunicazione agli sviluppatori che stavano lavorando a porting o nuovi titoli per Stadia, i quali naturalmente hanno investito tempo e denaro per creare un qualcosa che non uscirà più. Anche i giocatori sono rimasti esterefatti dall’annuncio, ed altri hanno criticato l’azienda per non aver dato un pre-avviso di qualche mese. Insomma, la situazione non è si è conclusa per il meglio, non ci è dato di sapere come mai Google non abbia deciso di avvisare tutti tempestivamente, che abbia cercato di salvare Stadia fino all’ultimo? Chi può dirlo, sta di fatto che quando qualcosa non porta entrate, prima o poi è destinato a chiudere.

Fortunatamente però non sono solo brutte notizie, Google ha già comunicato che rimborserà coloro che hanno acquistato la Founders’ Edition, i possessori del controller o chi ha acquistato giochi Google Stadia, esenti invece i rimborsi per gli abbonamenti.

Post precedente

Le migliori app per ascoltare la musica sullo smartphone 

Next Post

Come registrare schermo e catturare screenshot su Android

Articoli correlati