Tim: attacco hacker e come difendersi

Secondo alcune comunicazioni date dalla stessa Tim, qualche giorno fa c’è stato un attacco hacker che potrebbe aver violato alcuni dati personali, tra cui le credenziali di accesso a MyTim. In questo articolo vi daremo tutte le informazioni sulla questione e cosa fare per proteggere i propri dati dopo l’attacco hacker.

Tim: informazioni sull’attacco e sicurezza dei dati

E’ stata la stessa Tim a notificare ai suoi clienti di essere stata colpita da un attacco hacker e che potrebbero essere stati violanti alcuni dati personali. La comunicazione è avvenuta tramite email dando dei suggerimenti ai possessori di abbonamento Tim a cambiare i dati personali per precauzione. Quello che pare sia stato colpito, è l’accesso a MyTim da cui i clienti possono pagare le proprie bollette e vedere storico delle fatture.

La mail cita: ” “a fronte delle attività di controllo di sicurezza sui nostri sistemi, sono state rilevate attività anomale, svolte da parte di soggetti terzi ignoti, che potrebbero mettere a rischio la riservatezza delle tue credenziali di accesso a MyTIM”.

La stessa Tim ha informato di aver contattato le autorità competenti per la risoluzione del problema ma ha assicurato che in caso di dati violati, le informazioni di pagamento potrebbero non essere utilizzate per l’acquisto su altre piattaforme. Ma quali sono gli effettivi danni che potrebbero starci con la violazione di queste credenziali? Ora vi spieghiamo come fare a difendervi e quali sono le procedure da adottare.

Cosa fare dopo l’attacco a MyTim

Dopo l’attacco hacker a MyTim, il possibile danno per i clienti è il Recupero di dati personali utilizzabili per acquisizione fraudolenta di informazioni. Questo potrebbe comportare l’arrivo di mail pubblicitarie e dati personali diffusi, ad eccezione di quelli di pagamento. Per questo motivo, al fine di tutelare tutti i suoi clienti, Tim in via precauzionale ha disabilitato le credenziali a MyTim con il fine di farvi impostare una nuova password appena ri-accedete. Questo permetterà di bloccare eventuale furto di dati e non ci sarà la possibilità di utilizzare la vecchia password.

Inoltre nella mail di suggerimento di Tim, si fa espresso consiglio di utilizzare password strutturate, non semplici da individuare, magari con lettere grandi e piccole, numeri e non troppo brevi. E ovviamente ad utilizzare un buon antivirus che vi permetterà di controllare ogni ingresso malevolo nel vostro computer.

Post precedente

Samsung Galaxy M32 5G e Moto G50 annunciati

Next Post

WhatsApp: Attenti a questa Mod, contiene un pericoloso Trojan

Articoli correlati