Samsung presenta SmartThings Find: un nuovo, semplice modo di localizzare i dispositivi Galaxy

Samsung Electronics ha annunciato l’arrivo in Italia di SmartThings Find, un nuovo servizio che aiuta a rintracciare velocemente e facilmente i dispositivi Galaxy. SmartThings Find utilizza la Bluetooth Low Energy (BLE)e tecnologie ultra-wideband (UWB) per aiutare le persone a localizzare i propri smartphone, tablet, smartwatch e auricolari Galaxy.

“Utilizzando le ultime tecnologie in fatto di BLE e UWB, SmartThings Find rende la vita meno stressante permettendo di ritrovare facilmente i dispositivi Galaxy smarriti”, ha commentato Jaeyeon Jung, Vice President e Head of SmartThings Team, Mobile Communications Business di Samsung Electronics. “Sfruttando la Realtà Aumentata in combinazione con le mappe e gli effetti sonori, SmartThings Find è una soluzione semplice e intuitiva per riavvicinare il proprietario ai propri dispositivi. Questo è solo un esempio delle nuove e significative esperienze mobile che la tecnologia UWB porterà agli utenti”.

Dispositivi più semplici da trovare

Dopo aver completato un veloce processo di registrazione, gli utenti SmartThings possono localizzare facilmente i propri dispositivi Galaxy, a partire da smartphone, tablet e smartwatch, fino ai singoli auricolari. Che si tratti di un Galaxy Note20 Ultra caduto dietro il divano, dei Galaxy Buds Pro smarriti o di un Galaxy Watch3 nascosto così bene da non essere più ritrovato, il servizio SmartThings Find contribuisce a tenere al sicuro i dispositivi Galaxy, attraverso la semplice app dedicata.

Inoltre, grazie al nuovo localizzatore Bluetooth Galaxy SmartTag è ancora più semplice trovare i propri oggetti non connessi: è sufficiente attaccarlo alle chiavi, alla borsa o persino al collare del proprio animale domestico per rintracciarli facilmente.

Offline non significa scomparso

Con il servizio SmartThings Find è possibile localizzare facilmente il proprio dispositivo smarrito anche quando è offline. Questa funzionalità è permessa dagli utenti SmartThings che scelgono di utilizzare in modo sicuro il proprio smartphone o tablet Galaxy per aiutare gli altri a localizzare i propri dispositivi smarriti. Una volta che un dispositivo è rimasto offline per 30 minuti, emette un segnale BLE che può essere ricevuto da altri smartphone o tablet nelle vicinanze e la sua posizione viene inviata ai server SmartThings Find. Quando il proprietario ricerca il dispositivo smarrito con SmartThings Find, visualizzerà sulla mappa l’ultima posizione rilevata o riceverà una notifica appena sarà localizzato da un altro dispositivo. Tutti i dati degli utenti SmartThings Find sono crittografati e protetti in modo sicuro, assicurando che la posizione e i dati del dispositivo non siano rivelati a nessuno tranne che al rispettivo proprietario.

Indicazioni più dettagliate per trovare il proprio Galaxy più velocemente

Individuare il dispositivo smarrito è un gioco da ragazzi grazie alle indicazioni cartografiche integrate e alla possibilità di “far squillare” l’oggetto smarrito per ritrovarlo più rapidamente. Quando si perde un device, è sufficiente aprire SmartThings Find sul proprio smartphone o tablet e selezionare il dispositivo che si desidera individuare: la sua posizione esatta verrà così mostrata su una mappa. Una volta avvicinatisi al dispositivo, è possibile farlo “squillare” o individuarlo utilizzando la funzione di Ricerca nelle Vicinanze basata sulla realtà aumentata6, che mostra grafici a colori che aumentano di intensità avvicinandosi al dispositivo.

Disponibilità A breve sarà rilasciato un nuovo aggiornamento per l’app SmartThings sugli smartphone e i tablet Galaxy con sistema operativo Android 8 o successivo. Una volta installato, gli utenti potranno accedere al servizio SmartThings Find utilizzando il banner dedicato nella schermata Home nell’app SmartThings.

Post precedente

Samsung Galaxy S21 Ultra 5G

Next Post

Google Stadia: Arriva lo State Share

Articoli correlati