Malware: Microsoft scopre un nuovo ransomware

Purtroppo non è la prima e non sarà di certo l’ultima volta che sentirete parlare di malware, trojan, virus, spyware, ransomare ed altre minacce su Android.

Il più delle volte le minacce provengono proprio dal Play Store, in quanto app apparentemente innocue, in realtà celano il lato oscuro, ma ci sono casi in cui le app infette sono esterne allo store di Google.

Attivare l’installazione di Sorgenti Sconosciute, spesso comporta a installare app malevoli che non vengono rilasciate sul Play Store. La minaccia di cui vogliamo parlarvi oggi è stata scoperta e segnalata da Microsoft.

Attenti al nuovo ransomware su Android

A differenza di malware, virus, trojan o spyware, i quali possono essere il più delle volte facilmente eliminati con un buon antivirus, il ransomware non lascia scampo alla vittima, non ha pietà, e non si limita a rendere le app inutilizzabili, monetizzare con banner pubblicitari invadenti o provocare crash e blocchi del terminale, al punto da costringere la vittima al riavvio dello stesso, ma criptano le informazioni personali richiedendo un riscatto in bitcoin.

I ransomware sono molto diffusi su PC, ma da qualche anno a questa parte hanno invaso anche smartphone e tablet Android. Il ransomware una volta attivo impedisce alla vittima di accedere ai propri file personali, quali foto e video oltre che app installate, richiedendo il pagamento che dovrà essere fatto obbligatoriamente per poter recuperare i file, formattando il dispositivo lo ripristinerete, tuttavia non potrete più accedere ai file bloccati.

Naturalmente nel caso in cui questi siano presenti su uno spazio online come Google Drive non dovreste avere problemi, ma se li conservate nello smartphone o tablet, rischiate di perdere tutto se non pagate. Il nuovo ransomware che si aggira su Android e segnalato da Microsoft è noto con il nome di MalLocker.B ed è estremamente pericoloso, è molto diffuso tramite i file APK che possono essere scaricati e installati da Sorgenti Sconosciute, per tanto se volete evitare di imbattervi in questa spiacevole minaccia, non abilitate la suddetta funzionalità, ma scaricate solo app ufficiali e sicure dal Play Store.

Autore Shinobi SEO WEB
Shinobi SEO WEB

Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento. Ritiene che il sapere appartenga a tutti e debba essere condiviso liberamente.  Seguimi su Facebook, Twitter, LudomediaInstagram

Nessun commento

Lascia un commento