Android: Nuova funzione in arrivo per bloccare i call center

Dite la verità, quante volte siete stati o venite tutt’oggi importunati dai call center? A quanto pare Android 11 disporrà di un nuovo strumento che renderà più semplice l’identificazione delle chiamate pubblicitarie, bloccandole di conseguenza.

Addio ai Call Center con Android 11?

A differenza di molti anni fa, bloccare le chiamate dei call center e scocciatori vari è diventato molto più semplice, veloce e immediato su Android, è possibile attraverso l’uso di applicazioni varie.

Tuttavia, da Android 11 sarà presente un nuovo strumento che permetterà di identificare e bloccare le chiamate dei cosiddetti robocall, ossia i bot che telefonano automaticamente ad un numero per scopi pubblicitari.

Come funzionerà il suddetto strumento? Semplice, le app per la gestione delle telefonate saranno in grado di analizzare il numero del mittente e forniranno all’utente un motivo per rifiutare la chiamata. 

Una funzione simile è già presente su Android 10 e precedenti versioni, per tanto possiamo considerarla come una versione migliorata o potenziata del blocca pubblicità. Il nuovo sistema dunque sarà più intelligente e verrà integrato con il nuovo sistema operativo.

Attualmente per bloccare la pubblicità esistono app come True Caller oppure se avete quella di Google vi basterà procedere come segue:

  1. Aprite l’app Telefono
  2. Tappate sui 3 puntini in alto a destra
  3. Tappate su Impostazioni
  4. Tappate su ID chiamante e protezione Spam

In questo modo verrete informati se la chiamata è SPAM e tappando su Blocca potrete bloccare il numero prima ancora di rispondere, se avete già risposto, vi basterà attaccare la chiamate e tappare sul Blocca, oppure tappare sul numero e poi sull’icona dell’Info, infine su Blocca (in basso). 

 

Autore Shinobi SEO WEB
Shinobi SEO WEB

Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento. Ritiene che il sapere appartenga a tutti e debba essere condiviso liberamente.  Seguimi su Facebook, Twitter, LudomediaInstagram

Nessun commento

Lascia un commento