Google annuncia il Project Treble

Vi siete mai chiesti quale sia il più grande problema che affligge Android? La frammentazione naturalmente e per risolvere questa problematica che Google si porta dietro da anni, ha deciso di ricorrere al Project Treble.

Project Treble: Il nuovo progetto di Google per gli aggiornamenti Android

Project Treble consiste nella riprogettazione dell’architettura del sistema operativo per semplificare e velocizzare i futuri aggiornamenti dello stesso da parte dei produttori di terze parti. In altre parole, il sistema operativo Android viene separato dallo strato implementato dai produttori di hardware, cosi facendo è possibile aggiornare le due parti in modo separato, permettendo al dispositivo di restare aggiornato più a lungo. 

Diciamoci la verità, quanti dispositivi dopo pochi mesi o anni dalla commercializzazione vengono abbandonati a se stessi? Grazie al Project Treble questo problema potrebbe definitivamente scomparire. Project Treble entrerà in vigore a partire da Android O sui futuri dispositivi, ricordandovi che la nuova versione del sistema operativo è già testabile sui Pixel e Nexus supportati grazie alla prima Developer Preview.

A partire dai prossimi dispositivi potremo assistere al Project Treble, ed avere maggiore supporto e rilascio di aggiornamenti da parte dei produttori, i quali attualmente, a causa delle risorse richieste dai nuovi sistemi, sono costretti ad abbandonare i vecchi smartphone. Tra le novità introdotte con Android O vi sono:

  • Sistema di notifiche rivisto e corretto con miglioramenti
  • Possibilità di sincronizzare le notifiche tra i dispositivi per ordinarle in maniera intelligente
  • Nuovo aspetto grafico per le notifiche con funzioni dinamiche
  • Nuovi badge per le notifiche simili ai launcher di terze parti
  • Nuova modalità Picture in Picture con applicazioni galleggianti per tutti i dispositivi
  • Toolbar galleggiante per il testo
  • Nuove API e funzioni dedicate alle imprese
Post precedente

Netflix dice NO ai dispositivi con ROOT e Bootloader sbloccato

Next Post

Android O introduce un nuovo sistema per l’autenticazione via SMS

Articoli correlati