Netflix dice NO ai dispositivi con ROOT e Bootloader sbloccato

Come disse il caro Don Abbondio “questo matrimonio non s’ha da fare”. In questo ultimo periodo stiamo assistendo a qualcosa di spiacevole sul Play Store, per coloro che utilizzano dispositivi con permessi di ROOT attivi e bootloader sbloccato, ossia l’impossibilità di installare determinate applicazioni tra cui Super Mario Run, Pokèmon GO e Netflix (giusto per citarne qualcuna). 

NETFLIX diventa incompatibile con il ROOT

Come Infinity anche NETFLIX da oggi non è più compatibile con i dispositivi che hanno il bootloader sbloccato e i permessi di ROOT attivi, costringendo gli utenti a tornare al firmware Stock per la visione in streaming di contenuti multimediali presenti sulla suddetta piattaforma. Alle numerose lamentele ricevute, NETFLIX si è giustificata con la seguente dichiarazione:

Con la versione recente della nostra applicazione, abbiamo deciso di affidarci al DRM fornito da Google, per tanto i dispositivi che non sono certificati da Google e che quindi sono stati modificati dagli utenti, non funzioneranno più e di conseguenza l’app non potrà essere più scaricata ed installata dal Play Store.

Inutile dirvi che non potete nemmeno ricorrere al file APK in quanto vi restituirà un messaggio di errore all’apertura dell’applicazione, proprio come accade con le app citate. L’unica soluzione è quella di tornare al firmware stock, in caso contrario potete sempre ricorrere a qualche stratagemma per nascondere il ROOT ma per farlo vi occorre l’Xposed Framework e i rispettivi moduli, anche se non è detto che funzioni. 

Autore Shinobi SEO WEB
Shinobi SEO WEB

Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento. Ritiene che il sapere appartenga a tutti e debba essere condiviso liberamente.  Seguimi su Facebook, Twitter, LudomediaInstagram

Nessun commento

Lascia un commento