Google rilascia Android 6.0 Marshmallow Build MPA44I

Google ha ufficialmente rilasciato in data odierna un piccolo aggiornamento per Android 6.0 Marshmallow (MPA44I) tramite il sito web ufficiale in versione “factory image”. L’update in questione non introduce alcuna novità ma risolve dei problemi presenti nella MPA44G di cui vi abbiamo parlato giorni fa.

android-marshmallow-final-gif

Android 6.0 Marshmallow su Nexus 5: La nostra prova

Se ben ricordate, quando Google pubblico la seconda Preview di Android M noto ora come Marshmallow, vi sconsigliammo l’installazione a causa dei numerosi problemi che affliggevano il sistema, con la nuova versione sono stati definitivamente risolti. Il sistema appare molto più fluido e stabile delle 2 precedenti preview, compatibile con buona parte delle applicazioni presenti sul Play Store.

I problemi principali segnalati dagli utenti nelle precedenti build riguardavano sia le API che gestivano la riproduzione dei video su Youtube o su altri player, proponendo dei contenuti completamente in verde o viola e quelle che si occupano dei popup nelle varie applicazioni come Whatsapp, difatti era impossibile sia cambiare la foto del profilo che lo sfondo nelle conversazioni. Questi erano solo alcuni dei fastidiosi problemi che affliggevano buona parte dei Nexus, per questo motivo molti decisero di fare dietro-front.

La terza preview di Android M (Marshmallow) è l’ultima prima del lancio della versione finale del sistema operativo,  prevista per fine anno, per tale motivo Google ha apportato tutte le migliorie necessarie per renderlo un sistema stabile, compatibile e il più ottimizzato possibile. L’unico difetto risiede nel multi window che probabilmente verrà migliorato (o almeno speriamo) con il tempo. Come per la Preview 2, anche in questo aggiornamento è assente la modalità SCURA per le impostazioni, considerando che è presente nel codice della build, probabilmente potrebbe essere adottata come modalità notturna. Una delle novità introdotte risiede in un menu nascosto noto come Sintetizzatore interfaccia utente di sistema che è possibile attivare mantenendo premuto il dito sulla rotellina delle impostazioni. Una volta sbloccato questo menu è possibile modificare gli elementi presenti nella barra in alto e abilitare la visualizzazione della percentuale per la batteria.

Android 6.0 risulta fluido, reattivo, stabile, se disponete di un NEXUS compatibile vi consigliamo l’installazione se volete usufruire in anteprima di tutte le comodità offerte da Google con questo nuovo sistema. In data odierna è stato rilasciato un piccolo aggiornamento che dovrete (purtroppo) installare tramite factory image e che risolve alcuni problemi che impedivano a specifici dispositivi di installare il sistema operativo.

Guida al ROOT di Android 6.0 (MPA44G)

Di seguito vogliamo proporvi una breve guida su come abilitare i permessi di sistema su Android 6.0 Build MPA44G (ATTENZIONE IL ROOT NON E’ STATO TESTATO SULLA BUILD ODIERNA).

Ora che vi siete procurati tutto il necessario, potete procedere con la guida che segue:

  1. Collegate il vostro smartphone al PC tramite un cavetto USB
  2. Trasferite il SuperSU e il Kernel Despair nella ROOT (Directory principale)
  3. Estraete il fastboot e copiate al suo interno la recovery modificata
  4. Riavviate lo smartphone in modalità fastboot premendo Power + Volume Giu a smartphone spento
  5. Con lo smartphone connesso al PC tramite USB recatevi con il CMD (prompt dei comandi) nella directory del fastboot e digitate fastboot oem unlock (per sbloccare il bootloader) che dovrete poi confermare sul dispositivo e successivamente fastboot flash recovery nomerecovery.img, infine fastboot oem lock
  6. Riavviate lo smartphone in modalità recovery e installate i 2 zip che avete copiato in precedenza
  7. Riavviate il dispositivo e il gioco è fatto
Autore Shinobi SEO WEB
Shinobi SEO WEB

Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento. Ritiene che il sapere appartenga a tutti e debba essere condiviso liberamente.  Seguimi su Facebook, Twitter, Ludomedia, InstagramTwitch, Youtube e Mixer  

Nessun commento

Lascia un commento