Android Preview M2? No grazie!

Provare un nuovo OS sopratutto quando è in fase BETA non è una buona idea se si utilizza lo smartphone o tablet nella vita di tutti i giorni. Dopo un’intensa prova sia della prima che seconda versione di Android M su un Nexus 5 siamo giunti alla conclusione che il sistema allo stato attuale è da bocciare.

android m NO

Android Preview M2: BOCCIATO!

Con la prima versione del sistema ci siamo imbattuti in svariati bug e tra questi vi era l’incompatibilità con Whats’App per quanto riguarda il cambio dell’immagine del profilo e lo sfondo nelle conversazioni, per non parlare del ROOT non sempre funzionante, cali di frame nei giochi, riscaldamento durante l’utilizzo delle app o giochi che necessitano di maggiori risorse e una riduzione drastica del livello di carica della batteria. Con la seconda versione le cose non sono di certo migliorate della serie “di male in peggio”, in quanto Google ha si risolto alcuni problemi citati ma ha anche introdotto bug tra cui quello che colpisce i video in tutte le applicazioni, mostrando i contenuti multimediali verdi e a volte rosa con delle righe come fosse un televisore anni 60 e non vi è modo per risolvere il problema in quanto bisognerebbe passare dalla modalità DECODER HW a DECODER SW cosa che non è possibile fare in quanto non è presente alcuna voce in Opzioni Sviluppatore. Questo problema colpisce video a random indipendentemente dall’applicazione che si tratti di Facebook, Instagram, Youtube o altre.

La morale è sempre quella “evitare un nuovo OS sopratutto se è una BETA”. Se non si è smanettoni e non si ha tempo da perdere di provare nuove ROM allora vi sconsigliamo di installare Android M, nonostante la vostra foga di disporre una versione più aggiorna possibile del robottino verde. La strada che Google deve percorrere per migliorare l’OS è tanta,attualmente Android M ufficiale è disponibile solo per i Nexus, alcuni hanno deciso di scimmiottare in un certo qual senso il sistema, proponendo una ROM con gli stessi o quasi problemi. E’ possibile effettuare il ROOT su Android M? Si ma a quale prezzo? Come sapete effettuare il ROOT comporta l’impossibilità di aggiornare ad una versione successiva via OTA, ciò significa che per installare future build della BETA dovete o disattivare il ROOT e ripristinare la vecchia recovery e kernel, o flashare la factory image perdendo tutto.

A volte non è cosi semplice e veloce abilitare i permessi di ROOT, spesso vi ritroverete a dover installare nuovamente il sistema operativo a causa di un errore nella recovery o nel ROOT stesso. Abilitare il ROOT oltre a permettervi di spostare le app di sistema nella SD o rimuoverle del tutto, vi consente di bloccare la pubblicità nei giochi o nelle applicazioni ma su Android M pare che lo spostamento delle app rimanga un sogno nel cassetto. Evitate di installare Android M allo stato attuale e come dice il detto “uomo avvisato, tempo risparmiato e anche smartphone salvato”.

Se vi sentite cosi coraggiosi da voler provare Android M potete farlo tramite la nostra guida

Post precedente
Motorola Moto G 2015

Motorola Moto G 2015: già svelato tramite un rivenditore spagnolo?

Next Post
Huawei Honor 4A

Huawei Honor 4A ufficiale, caratteristiche e prezzo

Articoli correlati