Pulizie autunnali nel Playstore : Addio alle applicazioni con notifiche pubblicitarie

playstore

Google, in data odierna, ha annunciato che a partire da oggi stesso, tutte le applicazioni che inviano ai dispositivi, delle notifiche pubblicitarie, verranno eliminate dal playstore.

L’ultimatum di Google giunge al termine

Tempo fa, Google, aveva avvisato gli sviluppatori della rimozione della loro applicazione, dal playstore, a causa della presenza delle notifiche pubblicitarie invasive. Il noto colosso aveva dato loro un ultimatum di 30 giorni, per modificare le proprie applicazioni, al fine di rispettare il regolamento imposto. Oggi, Google, farà una bella pulizia, eliminando dal suo store questa categoria di applicazioni.

Google non vieta l’inserimento delle pubblicità nel proprio gioco o tool che sia, dato che l’utente che decide di mettere a disposizione il proprio progetto gratuitamente, in qualche modo deve pur guadagnare, ma proibisce l’introduzione di notifiche invasive, ossia quelle pubblicità che compaiono nella barra superiore del dispositivo, e che risultano fastidiose e ripetitive.

Che sia una mossa da parte di Google, per evitare che gli utenti ricorrano ad app esterne per bloccare queste pubblicità?

Addio alle applicazioni invasive

Le app che inviano pubblicità nelle notifiche, sono proibite da Google, in quanto oltre a infastidire gli utenti, consumano la batteria dei dispositivi molto più rapidamente. Sicuramente vi sarete imbattuti almeno una volta, in una di queste applicazioni. Alcune di esse inviano una notifica al giorno, altre invece più notifiche nell’arco di un ora o anche meno, riempendo la barra di pubblicità e causando l’ira dell’utente, che si vede costretto a rimuovere l’app. Che ci piaccia oppure no, la pubblicità è necessaria per guadagnare e Google Adsense ne è la prova lampante. Se state progettando un gioco o un tool, assicuratevi di non inserire troppe pubblicità, perchè potreste infastidire gli utenti e la vostra applicazione rischierebbe di essere eliminata dallo store per sempre.

A voi la scelta.

Post precedente

Google fixa il bug di Hangouts

Next Post

Nuove opzioni TIM Special Full: chiamate, SMS ed internet incluso

Articoli correlati