Samsung : Un Galaxy S3 prende fuoco durante la carica

In data odierna, ci è giunta notizia che un Samsung Galaxy S3, durante la ricarica della batteria ha preso letteralmente fuoco come potete vedere nella foto riportata in basso.

galaxy s3

Il Galaxy S3 come molti altri dispositivi attualmente presenti in commercio, vanta di un sistema in grado di proteggere il dispositivo prevenendo l’esplosione della batteria in seguito al surriscaldamento della stessa. Ma cosa è accaduto nello specifico per ridurre un S3 in questo stato?

Il possessori di questo smartphone, ha messo in carica il dispositivo nel cuore della notte e si è svegliato immerso da una cortina di fumo che ha invaso diverse stanze della sua abitazione. È ancora ignoto cosa possa aver scatenato il processo di combustione.  Dal racconto del povero utente, la situazione stava diventando davvero critica. Se un dispositivo elettrico prende fuoco, non gettate mai acqua su di esso, questo è un dato di fatto, in quanto l’acqua peggiora la situazione.

Se vi capita una cosa simile, scollegate il carica batteria dalla corrente o disattivate la corrente elettrica dell’abitazione. Questi sono i consigli degli esperti. Tali consigli molte volte non vengono recepiti e messi in atto da coloro che si trovano in una situazione simile, è come dire agli studenti di una scuola di camminare in fila indiana per uscire in caso di terremoto, ma si sa che se vi è un terremoto vi è panico tra le persone che corrono e urlano per salvarsi, infischiandosene delle misure di sicurezza. Personalmente se mi capitasse una cosa simile, correrei a scollegare la corrente di casa ma non mi passerebbe nemmeno per l’anticamera di scollegare il caricatore e voi?

Tornando al caso dell’S3, Samsung sicuramente oltre a scusarsi con il povero utente, provvederà a sostituire il suo smartphone. Cosa ne pensate? A voi i commenti e considerazioni personali.

Post precedente

Udite, udite! Samsung annuncia nuovi Galaxy e ATIV per il 20 giugno

Next Post

Samsung: Galaxy S4 gratis a chi lo fissa per 60 minuti consecutivi

Articoli correlati