Sapphire Glass: nuova tecnologia display 3 volte più resistente del Gorilla Glass

Dopo esser passati dal lato software a quello hardware, recensendo prima una valida alternativa alla comune condivisione file per poi passare alla recensione della nuova idea SoC Dual Core super ottimizzata made in Qualcomm, si ritroviamo a parlare di una sorprendente chicche appartenente alle dotazioni su cui i prossimi terminali di un futuro non troppo lontano potranno contare una volta posteggiati vicino a delle chiavi o se soggetti a brusche ed inavvertite cadute.

Come avrete potuto intuire già dal titolo, infatti, in questo nostro terzo appuntamento quotidiano, dopo esser passati dalla recensione del nuovo servizio di condivisione istantanea denominato SuperBeam, a quella della nuova idea SoC made in Qualcomm, il nuovo sorprendente Snapdragon 400, ci spostiamo ai display del futuro, capaci di resistere a qualunque inconveniente grazie ad una resistenza innaturale del vetro in un mix con uno degli elementi più resistenti in assoluto, lo zaffiro!

Zaffiro

Avete capito bene. Presto il dominio del mitico Gorilla Glass, i vetri provenienti dall’azienda produttrice più prestigiosa in assoluto, potrebbero presto essere soppiantati da una nuova e sorprendente tecnologia pronta a sfruttare lo zaffiro come elemento principale, un elemento già sfruttato per la sua elevata resistenza persino negli scudi in ambito militare.

L’unico handicap di tale tecnologia è solo il costo di fabbricazione, visto che per fabbricare un componente del genere serviranno delle nuove macchina ben più resistenti di quelle attualmente utilizzate per dar vita ai nostri comuni, seppur sorprendenti, Gorilla Glass.

Purtroppo ancora si tratta solo di prototipi molto costosi, ma non è detto che, molto presto, tale tecnologia potrà ampliarsi a favore di una resistenza pressoché illimitata, rinunciando, in un ottimale rapporto qualità / prezzo, a qualche MHz al processore. Voi su cosa puntereste? Ultra resistenza o ultra potenza di calcolo?

Post precedente

Qualcomm Snapdragon 400: una nuova mini alternativa SoC prende forma

Next Post

Samsung Galaxy Note 3: imminente arrivo di una nuova pietra miliare

Articoli correlati