Dandroids: la prima mascotte di Android prima del robottino verde

Se diciamo “Android” che cosa vi viene in mente? Forse , il sistema operativo con tutte le sue icone oppure gli smartphone che sfruttano quest’OS mobile o, molto probabilmente, la famosa mascotte del software progettato da Google: Bugdroid. E’ questo il nome del piccolo androide di colore verde che rappresenta il logo del famigerato sistema operativo firmato da Mountain View.

Poche linee, un design semplice, per una figura che è riuscita a conquistare ogni utente. Un piccolo robottino verde che, ormai, ha riempito il cuore di tutti gli appassionati dell’OS. Forse, c’è chi preferisce la mela morsicata, ma dobbiamo ammettere che tutti i gadget dell’omino verde possono essere desiderabili. Sono addirittura uscite molteplici piccole statuine da collezione che vestono Bugdroid in ogni modo.

Tutto questo lo si deve ad Irina Blok, solo grazie a lei oggi il robottino verde è quello che conosciamo. Il progetto iniziale fu realizzato da Dan Morrill che, come anche lui afferma su Google+, non fu paragonabile con quello di Blok.

Recentemente, Morrill, ha deciso di condividere con gli utenti del social network di Google le sue creazioni. Nella giornata di ieri sono apparse ben 4 foto di “Dandroids” che avrebbe dovuto prendere il posto di Bugdroid. L’ipotetico simbolo appare decisamente più brutto dell’attuale mascotte dell’OS, a mio parere potrebbe addirittura ricordare uno dei personaggi del vecchio cartone animato “The Jetsons” (la famiglia spaziale).

Un robot privo di qualsiasi personalità, non accattivante, con degli occhi da “folle” e delle linee del tutto usuali. Insomma, niente di che davvero. Oggi questo sarebbe potuto essere il logo del robottino giallo, verde, rosso e blu (visto che Morrill aveva realizzato i Dandroids in ben 4 colori).

Un vero brivido di terrore, così li definisce Dan Morrill sulla sua pagina social. L’autore ha deciso di mostrarli dopo averli trovati sul server e, prima di fare una bella pulizia, ha voluto condividerli con i suoi fan.

Avreste preferito che al posto di Bugdroid ci fossero stati i Dandroids? Diteci la verità, vi affascinano? Ovviamente la nostra è una domanda ironica! Non possiamo far altro che ringraziare infinitamente Irina Blok che si è occupata successivamente del progetto.

Evidentemente i Dandroids non avevano convinto del tutto, visto che l’opera di Blok ha ottenuto immediatamente più consensi. Il robottino verde di Android è ormai divenuto un simbolo conosciuto in tutto il mondo riuscendo ad entrare nella storia. come sarebbe stato il mondo del sistema operativo se a capeggiare l’OS ci fossero stati gli orrendi robot colorati?

Autore Zenit
Zenit

Nessun commento

Lascia un commento