Nexus 7 e Kindle Fire: l’iPad Mini non spaventa i tablet Android

Il nuovo tablet proposto dalla casa di Cupertino, l’Apple iPad Mini riuscirà ad attirare una vasta fetta di utenza, dunque a riscontrare un buon successo sul mercato, ma non sarà una minaccia per le vendite di Kindle Fire e di Nexus 7 a causa dell’alto prezzo al quale sarà acquistabile. Questo è quanto affermano diversi analisti dopo aver appreso il costo del tablet Apple sul mercato.

Il nuovo tablet con display da 7.9 pollici, presentato pochi giorni fa da Tim Cook, possiede la stragrande maggioranza delle caratteristiche tecniche dell’iPad 2, in vendita a 499 dollari, ma è più economica di 170 dollari. Il prezzo di 329 euro per la versione base, dotata di sola connettività WiFi e 16 GB di memoria dedicata alla storage, è decisamente superiore a quello che gli analisti avevano stimato in precedenza, infatti, ci si aspettava un costo compreso tra 199 o 249 dollari, in linea con il target dei dispositivi concorrenti.

Proprio per questo motivo gli analisti sono convinti che la richiesta di mercato dei Kindle Fire e del Nexus 7 è improbabile che sarà influenzata dall’arrivo dell’iPad Mini. Data la sostanziale differenza di prezzo, i consumatori dovrebbero effettuare la propria scelta senza essere influenzati semplicemente dal logo della mela morsicata.

Il prezzo dell’iPad Mini viene, quindi, considerato troppo alto da molti, sia consumatori che analisti. Phil Schiller, dirigente di Apple, dal canto suo è intervenuto a riguardo per difendere la scelta della propria azienda di offrire un tablet a un costo maggiorato rispetto alle attese. Queste le sue parole:

“L’iPad è di gran lunga il prodotto di maggior successo nella sua categoria. Il prodotto più conveniente che abbiamo fatto fino ad ora ha avut0 un costo di 399 dollari e la gente ha scelto quello fra tutti i dispositivi. Ora è possibile avere un dispositivo che è ancora più conveniente, a 329 dollari, con un nuovo formato, e sono convinto che un sacco di clienti siano molto eccitati da questa possibilità”

Dunque, secondo Phil Schiller, gli utenti saranno disposti a sborsare qualcosa di più per avere un dispositivo più costoso, ma anche qualitativamente superiore ai tablet concorrenti. Nei fatti, anche dalla comparativa effettuata qualche giorno fa, il tablet con la mela, a parte uno schermo leggermente più grande di quelli proposti dalla concorrenza, non sembra offrire nulla di più.

Post precedente

Google Nexus 10: le ultime indiscrezioni prima di essere svelato

Next Post

HTC One X: Arriva Android 4.1.2!

Articoli correlati