Samsung Galaxy Note 2: sarà un successo?

Samsung crede molto nelle possibilità del Galaxy Note 2, tanto da stimare di poterne vendere 20 milioni di unità nonostante il successo del Galaxy S3 e dell’eventuale successo dell’iPhone 5. L’azienda sudcoreana, insomma, punta tutto non più solo sul suo smartphone di punta, il Samsung Galaxy S3, ma adesso ha importanti aspettative anche sul Samsung Galaxy Note 2, il suo neonato phablet (una via di mezzo per dimensioni tra uno smartp0hone ed un tablet) e stima di poterlo vendere tre volte più velocemente di quanto fatto con la prima generazione dello stesso.

Questo è quanto ha comunicato il leader stesso di Samsung, JK Shin, durante una conferenza stampa che ha avuto luogo a Seoul, organizzata per lo sbarco sui mercati della Corea del Galaxy Note 2. L’iPhone 5 è stato introdotto in alcuni mercati solo da pochi giorni ed è già entrato nelle tasche di milioni di consumatori – per lo più insoddisfatti – mentre il Samsung Galaxy S3 ha già venduto 30 milioni di unità. Nonostante il mercato dimostri chiaramente di esser interessato a questi due dispositivi, il produttore sudcoreano crede che alla fine riuscirà a vendere almeno 20 milioni del proprio nuovo phablet, ripercorrendo il successo del predecessore.

Per raggiungere questo obiettivo, Samsung sta già collaborando con oltre 260 provider in ben 128 diversi paesi e, in effetti, si tratta di una presenza sul mercato molto più imponente di quanto è avvenuto con il primo Galaxy Note. Ad esempio, nel mercato statunitense si possono già contare cinque tra i più importanti operatori di telecomunicazioni che offrono il nuovo phablet animato dal robottino verde.

Ricordiamo che Samsung ha presentato il Galaxy Note 2 durante l’evento IFA 2012 di Berlino. Il Galaxy Note 2 è dotato di un display da 5,5 pollici, leggermente più grande del suo predecessore, e porta al suo interno l’ultima versione di Android, ovvero la 4.1 Jelly Bean. Come da definizione di phablet, si posiziona nella strada di mezzo tra i moderni smartphone ed i tablet di minor caratura, rendendosi, in questo modo, un prodotto quasi esclusivo.

Post precedente

Nook HD e Nook HD+, due nuovi tablet, griffati Barnes&Noble, in risposta ai Kindle Fire

Next Post

PlayStation Mobile approda su Android!

Articoli correlati