Apple VS Samsung: un sondaggio alquanto singolare

In quello che sembra un infinito processo in corso a tra Apple VS Samsung per questioni che oramai tutti conosciamo benissimo, emergono quotidianamente notizie. Eccone una alquanto singolare. Come abbiamo appena accennato l’ingente quantità di documenti ufficiali di corte è ormai divenuta una vera e propria miniera d’oro per quanto riguarda nozioni su cose come ad esempio dati di vendita, informazioni confidenziali su progetti, fino ad arrivare addirittura ad indiscrezioni su futuri modelli di dispositivi mobili delle parti in causa.

Una delle ultime curiosità emerse riguarda uno studio proposto da uno dei testimoni chiamati in causa dalla società californiana, ovvero un ricercatore di mercato, conosciuto col nome di Kent Van Liere. Tale Van Liere ha effettuato un sondaggio con l’intenzione di far notare una non irrilevante confusione tra gli utenti al fine di dimostrare come la somiglianza di alcuni dispositivi Samsung a quelli Apple sia responsabile del diluirsi dei profitti della casa sudcoreana.

Lo studio si compone in questo modo ed è diviso principalmente in due due parti. Ai partecipanti dello studio della prima parte sono state mostrate immagini del Samsung Fascinate e del Galaxy S2 Epic 4G Touch e, in aggiunta a questi, del BlackBerry Storm come gruppo di controllo. Nella prima parte dello studio i risultati sono ottenuti sono quelli che il 52% ed il 51% dei partecipanti hanno associato rispettivamente il Samsung Fascinate ad il Samsung Galaxy S2 Epic 4G al gruppo Apple, mentre solo il 14% è toccato al BlackBerry Storm.

Nella seconda parte dello studio è stato preso in esame il Samsung Galaxy 10.1 che è stato mostrato in un video sia con il marchio del produttore sudcoreano coperto, sia con il marchio in bellavista, mentre come gruppo di controllo è stato utilizzato il Nook Color. In questo secondo studio i dati dei risultati ottenuti sembrano meno preponderanti in quanto al marchio Apple solo il 43% dei soggetti partecipanti ha associato il dispositivo col marchio coperto ed il 30% col marchio visibile. Come dati netti, quindi, esclusi quelli derivati dal gruppo di controllo, si è arrivati rispettivamente ad un 9% e 6%.

Dal canto loro i legali dell’azienda sudcoreana, per difendersi e delegittimare questo studio, affermano che, vista l’imponenza sul mercato sia di Samsung che di Apple, è normale per gli utenti associare le due marche e che quanto accaduto non deriva necessariamente da un plagio. Per quanto gli riguarda è un po’ come se un consumatore si confondesse e associasse un panino di Burger King ad uno McDonald’s.

Post precedente

XMBC : Versione nightlies rilasciata!

Next Post

Samsung Galaxy Tab 2 7.0 Student Edition: un bundle per gli studenti molto interessante

Articoli correlati