Amazon e la sestina dei nuovi Kindle Fire

Il tablet Kindle Fire di Amazon ha avuto un notevole successo ed ha aiutato a far capire all’industria che è importante offrire qualità, contenuti e hardware al passo coi tempi, il tutto ad un prezzo concorrenziale. Ed è proprio grazie al tablet di Amazon che NVIDIA, qualche mese fa, ha proposto il progetto KAI per sviluppare tablet dal basso costo, ma dalle alte prestazioni e, direttamente a questa idea, in collaborazione con Google è nato il Nexus 7 che, appena al suo debutto, sta già avendo un importante ed inaspettato successo.

E’ chiaro, quindi, che il motivo del successo del Kindle Fire – nonche del Nexus 7 – è da cercare nel prezzo e nella piattaforma hardware Il processore dual core TI OMAP4330 operante a 1GHz accoppiato con uno schermo IPS multitouch da 7 pollici, 512MB di RAM e 8GB di spazio di archiviazione costituivano una piattaforma al passo coi tempi, un anno fa e tutto questo veniva offerto ad un prezzo di 199 dollari, ridottissimo per un tablet, visto che questi dispositivi raggiungono spesso prezzi intorno ai 600 euro.

Con il Kindle Fire, Amazon, ha nei fatti creato un mercato e, fino alla presentazione del Nexus 7, la domanda per il Kindle Fire è rimasta molto alta e il tablet è stato tra i più venduti della categoria per mesi e mesi. Adesso, Amazon, vuole riprovarci e, infatti, secondo le dichiarazioni del direttore delle vendite negli USA di Staples, Demos Parneros, starebbe lavorando a molto più di un nuovo Kindle Fire. La società di Jeff Bezos sta lavorando anche a Kindle Fire da 5 e 6 pollici, oltre che al già noto tablet da 10 pollici. Ma non è tutto.

Amazon, infatti, vuole fare le cose in grande, e sembra intenzionata a lanciare prodotti con 5 o 6 nuovi SKU (acronimo di Stock Keeping Unit, ovvero il codice identificativo di un prodotto), quindi 5 o 6 nuovi modelli di tablet. Non si è ancora capito, però, se si tratterà di modelli differenti o semplicemente versioni dalla diversa capienza di memoria, ad esempio; quello che è certo è che Amazon sta lavorando a più di un dispositivo. Tra questi SKU potrebbe anche rientrare lo smartphone anticipato dalle voci in Rete e che vorrebbe dare filo da torcere a dispositivi quali il Samsung Galaxy S3 o l’imminente Apple iPhone 5, anche se, a riguardo, è ancora tutto avvolto da un alone di mistero.

La sfida che si pone Amazon non è dunque solo nei confronti del Google Nexus 7, ma anche nei contro l’iPad della casa di Cupertino, visto che, almeno uno dei tablet in via di sviluppo sarà dotato di un display da 10 pollici. Un portavoce dell’azienda si è rifiutato di commentare le indiscrezioni trapelate, ma il tutto si configura potenzialmente come una strategia importante che, forte del marchio Kindle, potrebbe dare all’azienda grosse soddisfazioni e muovere ancora una volta un mercato che nell’ambito dei tablet, per troppo tempo, si era arroccato ad un unico prodotto.

Gli intenti di Amazon sono dunque abbastanzi chiari, ovvero colpire il mercato dei tablet in tutte le sue sfaccettature, dalla fascia bassa, sostituendo l’attuale Kindle Fire, fino a salire verso range medio/alti con nuovi prodotti più potenti che si adattino ai desideri dei consumatori più esigenti. Per adesso questo è tutto, e per saperne di più non ci resta che aspettare. C’è però da dire un’ultima cosa, Amazon dovrebbe riferire i risultati delle vendite del secondo trimestre il 26 luglio e non è da escludere che qualche dettaglio in più possa trapelare proprio dalla conferenza con gli azionisti. Continuate a seguirci su Android Planet per restare sempre aggiornati.

Post precedente

Samsung Galaxy S3: un successo Android da 10 milioni di pezzi

Next Post

Amazon Kindle Phone: dopo il tablet, un possibile smartphone

Articoli correlati