Nokia e Android: un connubio strano ma possibile

Risto Siilasmaa – chairman di Nokia è stato piuttosto chiaro nelle sue dichiarazioni: se Windows Phone 8 non dovesse essere all’altezza delle aspettative del gruppo e non riuscisse a spingere in ascesa le vendite della serie di smartphone Lumia, il gruppo sarebbe pronto ad agire con piano d’emergenza. Secondo alcune interpretazioni tale ipotetico piano d’emergenza potrebbe prevedere addirittura un eventuale approdo nell’universo Android per i terminali della casa finlandese.

E’ chiaro che Nokia non vuole trovarsi impreparata qualora la partnership con Microsoft dovesse concludersi oppure qualora il nuovo Windows Phone 8 non riuscisse a generare abbastanza interesse tra la clientela. Insomma, se la situazione sul fronte delle vendite dei Lumia non dovesse cambiare con la nuova versione del sistema operativo, Nokia potrebbe prendere importanti provvedimenti, tanto da spingerla a cambiare completamente rotto e affidarsi ad un’altra piattaforma per i suoi terminali..

A ogni modo, Siilasmaa si dichiara fiducioso del fatto che i Nokia Lumia potranno rappresentare un successo per l’azienda finlandese e, allo stesso tempo, spingere il sistema operativo di Microsoft ad avvicinarsi al successo di iOS e Android. Non è dunque ancora chiaro a cosa si riferisce Siilasmaa quando parla di piano d’emergenza. Secondo Cnet l’approdo ad Android da parte di Nokia potrebbe essere una delle ipotesi più accreditate, ma al tempo stesso osserva che, per il colosso finlandese, un’eventuale scontro con Samsung, HTC e il successo dei loro smartphone Android costituirebbe una sfida non da poco.

Sta di fatto che ora come ora per Nokia è in un momento critico. Da un lato le quote di vendite dei telefoni cellulari con cuore Symbian è drasticamente in discesa e tale sistema operativo sembra non riuscire a riscontrare più l’interesse dei consumatori, risultando obsoleto anche agli occhi di quelli che cercano un cellulare di fascia bassa. Tutto questo fa scendere il prezzo delle azioni, tant’è che dall’insedio di Siilasmaa, avvenuto nel mese di maggio scorso, il valore del titolo Nokia è sceso di un terzo e, nel lungo periodo, possiamo notare come la capitalizzazione di mercato del gruppo finlandese è crollata da 78 miliardi di dollari a 7,8 miliardi di dollari nel giro di tre anni. L’unica speranza  a cui aggrapparsi per l’azienda è il successo dei Windows Phone l’impennata delle vendite dei Lumia.

Post precedente

Una console “Android” da Ouya !

Next Post

Sergey Brin : “I Google Glass arriveranno nel 2014!”

Articoli correlati