Galaxy Nexus, bloccato negli USA: Apple batte ancora Samsung

La Samsung sta vivendo un momento poco piacevole soprattutto in quest’ultimo periodo, difatti, la Apple sta cercando di bloccare ogni loro mossa e, ovviamente, anche i prodotti sfornati dall’avversario coreano. Il famoso Google, invece, si stava meritatamente godendo il successo ottenuto grazie al lancio del tablet che dovrebbe riuscire ad abbattere l’egemonia dell’iPad firmato dalla mela morsicata. Anche per Mountain View, però, è terminato il periodo dei festeggiamenti: Apple dopo aver colpito e affondato Samsung, colpisce anche loro.

Non preoccupatevi il Nexus 7 non c’entra nulla, per ora è ancora salvo e non sono stati annunciati blocchi. Quello che invece è stato recentemente “fermato” è il Samsung Galaxy Nexus, il prodotto nato dalla collaborazione fra Google e l’azienda coreana.

La Apple ha detto “no” a questo prodotto e è riuscita a bloccarlo in un mercato fondamentale: gli Stati Uniti.  La notizia non è stata ancora diffusa in modo ufficiale, ma non c’è margine di errore. Il giudice ha fermato il device per alcuni brevetti violati: 5,946,647, 8,086,604, 8,046,721 e 8,074,172, ma in particolare è stato il numero due ad essere preso seriamente in causa. Quest’ultimo riguarda la ricerca multipla.

Un grande colpo per il sistema operativo Android che stava premendo il piede sull’acceleratore del successo, ma soprattutto un’ennesima batosta per l’azienda della Samsung.

Ricordiamo che proprio recentemente la casa coreana ha visto fermare, sempre negli Stati Uniti, un altro dei suoi dispositivi: il Galaxy Tab 10.1. Si tratta della prima generazione della tavoletta della Samsung che ha avuto una storia abbastanza disastrata. La Apple cercò di bloccare questo device sin dal suo lancio e ci riuscì quasi subito in Germania. In quest’ultimo mercato, l’azienda coreana progettò un nuovo prodotto che si differenziava leggermente in alcune caratteristiche per cercare di superare il blocco emesso dal giudice tedesco.

La versione fu chiamata Galaxy Tab 10.1N, ma la Apple ebbe molto da ridire anche su questo prodotto, anche se questa volta la Samsung riuscì a far andare avanti il suo tablet.

A distanza di pochissimi giorni dal blocco della tavoletta in America, arriva anche questa nuova notizia che arresterà moltissimo la corsa dell’azienda coreana. Il giudice che aveva emesso la sentenza precedente era stato molto chiaro, difatti, dichiarò che la Samsung aveva il diritto di poter competere con le altre aziende, come ad esempio la Apple, ma doveva farlo in modo leale! In poche parole, la famosa casa coreana è stata nuovamente accusata di aver copiato la mela morsicata.

 

Post precedente

Con Google Android PDK si dice addio alla frammentazione

Next Post

Adobe dice basta a Flash Player per Android

Articoli correlati