Google Authenticator si aggiorna con l’importazione ed esportazione degli account

Se utilizzate l’autenticazione a due fattori per rendere più sicuri i vostri account, allora avrete indubbiamente nel vostro smartphone Google Authenticator, app che quest’oggi si aggiorna con alcune novità decisamente gradite. 

Google Authenticator: Il nuovo aggiornamento porta delle novità

Prima di parlarvi delle novità facciamo un passo indietro.  Cosa si intende per autenticazione a due fattori? E’ un metodo di sicurezza che impedisce ai malintenzionati di accedere facilmente al vostro account, che sia su Facebook, Google, Youtube, Gmail, Discord e cosi via dicendo.

Oggigiorno numerosi servizi e piattaforme permettono l’abilitazione dell‘autenticazione a due fattori, la quale invia un codice via SMS all’utente o tramite l’applicazione Google Authenticator, da utilizzare per loggarsi dopo aver inserito user e password.

In altre parole se qualcuno conosce le vostre credenziali di accesso, non può comunque entrare nell’account se non disponete del codice che cambia ogni minuto, a patto che naturalmente abbiate attivato l’autenticazione a due fattori.

La nuova versione di Google Authenticator introduce oltre il Material Design 2.0 e il tema scuro per smartphone con display OLED, anche uno strumento per importare ed esportare gli account dal menu. Potete quindi passare i dati da uno smartphone all’altro scansionando i codici QR. 

Sul vecchio smartphone fate l’esportazione per generare il codice QR e sul nuovo smartphone l’importazione per scannerizzare il codice QR, in questo modo gli account verranno esportati sul nuovo dispositivo. Comodo non trovate? 

A seguire vi riportiamo il badge per scaricare l’applicazione: 

Google Authenticator
Google Authenticator
Developer: Google LLC
Price: Free
Autore Shinobi SEO WEB
Shinobi SEO WEB

Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento. Ritiene che il sapere appartenga a tutti e debba essere condiviso liberamente.  Seguimi su Facebook, Twitter, LudomediaInstagram

Nessun commento

Lascia un commento