Zoom di nuovo sotto attacco: 500 mila credenziali finiscono nel Deep Web

Una delle applicazioni gratuite più utilizzate in questo periodo, a causa della quarantena da Coronavirus è indubbiamente Zoom, eppure allo stesso tempo è anche una delle applicazioni più pericolose per la propria privacy e sicurezza.

Zoom per coloro che non la conoscono è un’applicazione che permette di effettuare videoconferenze con molteplici contatti simultaneamente, da PC, smartphone, tablet e browser. 

Di recente è stata vittima di diversi attacchi da parte degli hacker, a dimostrazione di come la piattaforma in questione sia tutt’altro che sicura. Prima di proseguire con la lettura forse potrebbe interessarvi Skype sfida ZOOM con Meet Now: Videochiamate senza account

ZOOM bersagliato dagli hacker: 500 mila credenziali rubate

Quest’oggi ci giunge notizia di un nuovo attacco che ha visto il furto di ben 500 mila credenziali degli utenti.

E’ possibile accedere alla piattaforma sia con gli Account Social che creando un nuovo account, ed è inutile dirvi che chi decide di registrarsi con l’account Facebook o Google è maggiormente a rischio. 

Una società informatica esperta in sicurezza nota come Cyble, ha annunciato che di recente un attacco hacker ai danni di Zoom ha visto il furto di 500 mila credenziali degli utenti, le quali sono già in vendita nel Deep Web per pochi centesimi di dollari. 

Username, password, indirizzi di posta elettronica ed altro ancora. Chi può accedere al Deep Web e sa dove cercare ha la possibilità di acquistare a prezzo regalato si può dire tutto questo e molto di più. Tra gli account violati ci sono anche quelli aziendali.  

Se utilizzate ancora Zoom vi consigliamo di disinstallarlo e passare a valide e sicure alternative.

Autore Shinobi SEO WEB
Shinobi SEO WEB

Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento. Ritiene che il sapere appartenga a tutti e debba essere condiviso liberamente.  Seguimi su Facebook, Twitter, LudomediaInstagram

Nessun commento

Lascia un commento