Redungeon provoca l’ira dei giocatori sul Play Store

Spulciando nel Play Store come di consueto, ci siamo imbattuti in un nuovo gioco android gratis chiamato ReDungeon, non adatto ai deboli di cuore e a chi è di facile bestemmia. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Redungeon-1280x720

ReDungeon: Un RPG fuori dal comune

In ReDungeon vestiamo inizialmente i panni di un cavaliere, il cui obiettivo è quello di arrivare il più lontano possibile in un dungeon senza fine. Si tratta di un endless game nel quale il giocatore si ritrova ad effettuare degli slide per muovere il personaggio, raccogliere i tesori ed ovviamente evitare gli ostacoli. Una sola vita a disposizione, il che rende il gioco difficile quanto odioso per certi versi.

Essendo un free to play sono previsti degli acquisti in app che ovviamente non sono obbligatori, come ad esempio delle monete che oltre a permettere di ottenere nuovi personaggi e potenziarli, offrono la possibilità di riprendere la partita dopo la morte, dal medesimo punto raggiunto, una sorta di seconda occasione. ReDungeon supporta il Play Games, per cui dopo aver lanciato il gioco vi verrà richiesto l’accesso con account Google, consigliato se volete sbloccare gli obiettivi e scalare le classifiche.

Obiettivi sbloccabili

  • Sblocca un personaggio
  • Potenza un personaggio
  • Sblocca tutti i personaggi
  • Gioca per un ora in totale
  • Apri centinaia di tesori
  • Raccogli 1000 monete
  • Uccidi 100 pipistrelli
  • Sfuggi da 50 ragnatele
  • Uccidi 100 slimes
  • Rompi 50 scudi
  • Spaventa 100 creature
  • Distruggi 500 trappole senza usare spada o scudo
  • Attira 2000 monete dalla distanza
  • Vola per 50 metri in totale
  • Muori durante un rituale epico
  • Spendi 3 minuti in slow motion
  • Perdi la tua testa 50 volte

Se siete interessati al gioco, potete scaricarlo GRATIS sul Play Store tramite il badge che segue:

Redungeon
Redungeon
Developer: Nitrome
Price: Free+
Autore Shinobi SEO WEB
Shinobi SEO WEB

Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento. Ritiene che il sapere appartenga a tutti e debba essere condiviso liberamente.  Seguimi su Facebook, Twitter, Ludomedia, InstagramTwitch, Youtube e Mixer  

Nessun commento

Lascia un commento