Google annuncia un’app per il controllo dei PC in remoto

61Cqe0A9NXL._SL500_AA300_

Google annuncia ufficialmente lo sviluppo e l’arrivo sul Play Store e sull’App Store di un’applicazione per il controllo in remoto dei computer.

Controllare il PC a distanza

Attualmente esistono app come Team Viewer che permettono di gestire il PC a distanza ma l’app a cui sta lavorando Google è totalmente differente.  Il progetto in questione prende il nome di Chromoting e dal titolo possiamo dedurre che potrebbe basarsi sul controllo via browser “Chrome” e sarà disponibile non solo per smartphone ma anche per tablet.

Per ora non abbiamo ulteriori dettagli da condividere, non ci resta che attendere. Di cosa potrebbe trattarsi? A voi i commenti! Nel frattempo cogliamo l’occasione per parlarvi di Team Viewer.

Team Viewer: PC a portata di smartphone e tablet

Team Viewer è un software/applicazione disponibile non solo per smartphone e tablet ma anche per molti altri dispositivi tra cui PC che permette di controllare un dispositivo a distanza. Come funziona? Per prima cosa bisogna installare il software sul dispositivo da controllare e su quello da cui si vuole accedere, dopo di che basterà semplicemente avviare i due software e digitare in quello da cui si effettua la connessione, l’indirizzo e la password del dispositivo da controllare e il gioco è fatto.

Inutile dire che per utilizzare questo particolare software avrete bisogno di una connessione internet attiva. Team Viewer permette di svolgere una lunga serie di operazioni:

  • Controllo a distanza completo;
  • Chat con il possessore del dispositivo controllato per un’assistenza migliore a distanza;
  • e molto altro ancora.

Team Viewer è attualmente utilizzato dalla maggior parte delle aziende per fornire assistenza a distanza, è completamente gratuito, legale, sicuro, leggero e funzionante, consigliato se avete un dispositivo Android o iOS e volete controllare il vostro computer a distanza.

Post precedente

Final Fantasy VI approda sul Play Store

Next Post

Multata a causa dei Google Glass

Articoli correlati