Mojo : La console Android di casa MadCatz

mojo

In questo ultimo periodo, le console Android, sia fisse che mobili, nascono e si diffondono come funghi. Dopo Ouya, Nvidia Shield, Gamepop e Gamestick, tanto per citarne qualcuna, è il turno di Mojo, la piattaforma di gioco, ideata da MadCatz, nota azienda nota per dispositivi e accessori di vario tipo.

Una nuova console Android

MadCatz è lieta di annunciare Mojo, una piattaforma di gioco, collegabile al proprio televisore attraverso un cavo HDMI, dotata di un pad simile a quello della Xbox360. Il sistema monta dei connettori USB, 16Gb di memoria flash interna, estendibile via microSD, supporto per la risoluzione 1080p, connettività Wifi e Bluetooth, e sistema operativo Android aperto.

La versione di Android, preinstallata al suo interno, è stock, non prevede restrizioni, brandizzazioni o altro, chiunque potrà modificarla a proprio piacimento. Come ogni console che si rispetti, avrà uno store dedicato alle applicazioni e ai giochi. Non ci è ancora dato di sapere se si tratterà di una nuova sezione all’interno del playstore, o sarà uno store a parte.

Il design della piattaforma ricorda vagamente quello di un hard disk esterno, rettangolare, di piccole dimensioni, piatto all’inizio e rialzato verso la fine. Il lancio salvo imprevisti, è fissato per fine anno, ad un costo ancora sconosciuto.

Console Android : Quale scegliere?

Come vi abbiamo anticipato, di console Android ve ne sono molte, sia mobili che fisse, ognuna di esse differenti, in quanto pur se la maggior parte dei titoli sono universali, alcuni sono esclusivi. Su Ouya ad esempio, numerosi sviluppatori si stanno impegnando per portare giochi inediti, su Nvidia Shield invece, i suoi produttori si sono focalizzati su 2 principali caratteristiche, la potenza della piattaforma per quanto riguarda la resa grafica, e la possibilità di giocare a titoli Steam in streaming.

Il costo di Ouya è di 99 dollari, mentre quello di Shield è di 350 euro.

Post precedente

E’ ufficiale: Google ha acquisito Wimm Labs per gli smartwatch

Next Post

Siri prende in giro i Google Glass

Articoli correlati