29 applicazioni infette rimosse dal Play Store di Google

In questo ultimo periodo il Play Store è nel mirino di Spyware, Malware, Virus, Trojan e minacce di vario genere, numerose sono le vittime e coloro che ogni giorno inviano segnalazioni a Google per avvisare il team della presenza di app malevoli all’interno dello store.

La nota azienda Symantec che si occupa della sicurezza ha individuato e segnalato a Google che ha subito provveduto a rimuovere ben 29 applicazioni malevoli. Le app incriminate erano in grado di raccogliere informazioni personali come email, indirizzi, numeri di telefono e quanto altro ancora e caricarle su dei server remoti.

Le app in questione avevano una porzione di codice in comune il che significa che l’autore è sempre lo stesso, attualmente è ricercato dalla polizia del paese del sol levante. A Febbraio hanno fatto il loro esordio le prime app dotate di un lato oscuro, esse permettevano di riprodurre video di giochi e mentre l’utente visionava i trailer, l’app raccoglieva le info personali e le inviava al server, astuto non trovate?

Le app incriminate hanno infettato numerosi dispositivi in tutto il mondo anche se le app sono di origine nipponica infatti si trovavano prima della loro eliminazione sul Google Play Store Giapponese. Considerando che vi sono app come Market Unlocker che permette di accedere allo store Giapponese, i malware si sono diffusi anche nel resto del mondo oltre che in Giappone. L’ultima bravata se cosi possiamo definirla da parte di coloro che realizzano app malevoli, è un clone di Angry Birds Space o meglio un Fake che si insinua nel proprio dispositivo e autorizza l’installazione automatica di applicazioni di ogni genere oltre che a consumare il credito della propria SIM.

Noi di androidplanet vi invitiamo ad avvisare Google se notate un app sospetta o riscontrate problemi con il vostro dispositivo dopo l’installazione ed ovviamente non dimenticatevi di installare e tenere sempre attivo ed aggiornato un buon antivirus.

 

 

Post precedente

Gravity Maze : Il puzzle game della gravità

Next Post

Android continua a dominare nel Regno Unito

Articoli correlati